Rusulia, Rusulia,
tuttu u populu è cu tia
t'addumanna a dinucchiuni
tanti grazii e tu li duni.

C'era pesti e carestia
nt'a città di Rusulia
senza acqua li funtani,
senza pani li cristiani
picciriddi senza latti,
vucchi comu ficu sfatti,
morti 'n terra gnuni gnuni
senza servi ne patruni.

Rusulia vidennu a pesti
chi fa stragi pi li strati
di lu munti unni muriu
prega forti lu gran Diu;
- Oh Signuri miu putenti
lu me cori s'arrisenti
iu vi detti la me vita,
vosi essiri eremita

- 'Na grazia sulu io vurria,
pi lu populu e no pi mia:
facitimilla pi caritati
Palermu bedda libbirati.
Lu gran Diu l'ascutau
e Palermu risurgiu
li malati sù sanati
di la pesti libbirati.

Passaru centinara d'anni
ma la genti nun si scorda
lu miraculu fu granni
c'è Fistinu tutti l'anni.
Rusulia la virginedda
'n paradisu cu li santi
nta lu celu di Palermu
è la stidda chiù lucenti!

(di Sara Favarò)